Home Musica Musica ∼ Opinioni Void of Vision, recensione dell’Ep “Chronicles II, Heaven”

Void of Vision, recensione dell’Ep “Chronicles II, Heaven”

0 240
void of vision

 

 

di Irene Tempestini

 

Void of Vision, recensione dell’Ep “Chronicles II, Heaven”

I Void of Vision, la metal hardcore band australiana, ha pubblicato oggi il secondo capitolo della saga Chronicles, l’EP “Heaven”, per UNFD.  La band tutta, ma soprattutto il frontman Jack Bergin, hanno subito una sorprendente trasformazione personale negli ultimi anni, sia musicalmente, sia nella scrittura dei testi e visivamente.

“Chronicles II, Heaven” segue il primo capitolo di “Chronicles I, Lust”, pubblicato nel 2021 e rappresenta una sua evoluzione. I Void of Vision su Lust hanno dichiarato: “Ci ha migliorato come persone. Abbiamo  capito che si deve scavare nelle parti più oscure di noi stessi per provare a far risplendere quella luce interiore, per trovare veramente la felicità.”

Le sonorità del nuovo EP aprono a concetti di speranza e consapevolezza, ma rimangono molto forti, pressanti e incisive, così come i testi, frutto di una fervida auto-analisi. Esecuzione ed emozione vanno a braccetto per cupe lande sonore, con martellanti sprint hardcore e massicci muri di chitarra e batteria, resi ancora più impattanti dalla voce in scream di Jack, che sputa fuori ogni dolore, ogni tensione, derivati dalla durezza della vita e dal dover fare i conti con se stessi, con le proprie zone d’ombra, i propri demoni. Il metalcore è un genere che i Void of Vision hanno personalizzato, fatto loro, in un momento storico in cui esistono veramente tante, troppe band attive nel genere, ma poche sono in grado di esprimersi come loro, per intensità dei testi, espressività, durezza a cui uniscono bei suoni elettro-industrial mai scontati e mai fuori posto. Il conflitto che c’è nella band tutta, ma soprattutto in Jack poi, vede ora qualche parvenza di luce, anche se l’ombra prevale ancora. Però è bello, davvero molto bello, sentire per la prima volta anche piccole parti cantate con voce limpida e percepire alcune ricercatezze musicali impensabili nel precedente capitolo di “Chronicles, Lust”.

“Sto facendo emergere emozioni come non avevo mai fatto prima – ha dichiarato Jack; per esempio in “Heaven” ci sono le prime canzoni d’amore mai create dai Void of Vision. Non ho mai trattato prima d’ora l’amore, il romanticismo o il dolore derivato dall’amore, ed è qualcosa che sono davvero orgoglioso di aver fatto e sono entusiasta che le persone potranno ascoltare il mio pensiero a riguardo”.

Per l’uscita di “Heaven” sono state studiate immagini e personaggi che dessero forza alle tracce, come ad esempio “Saint Miserable”, la pin-up della miseria, del dolore, della disperazione e della negatività, che era stata proposta per la prima volta nella cover del singolo “Dominatrix”. Ma invece di essere idolatrata o messa su un piedistallo , come avrebbero fatto un tempo i Void of Vision, è rappresentata come un totem che ha in sé tutto ciò che non deve essere fatto. Una creatura da cui  Jack e tutti noi dobbiamo  stare alla larga.

“Lei è l’incarnazione del peggio che possiamo essere, è tutto quello che ero un tempo e che non voglio essere mai più”- queste le toccanti parole di Jack. “Saint Miserable ci ricorda che tutti noi abbiamo il potenziale o la capacità di essere un santo miserabile – un’identità alternativa e oscura che esiste dentro di noi e siamo solo noi a poter scegliere di abbracciarla o combatterla. Dobbiamo riconoscere l’oscurità e impegnarci per lasciarla andare via. Ho scoperto che si prova un vero senso di libertà e crescita quando si trovano gli strumenti per lasciarti quella parte della vita alle spalle”.

All’EP “Heaven” hanno partecipato anche Hannah Greenwood dei Creeper nella traccia “Altar” e Jacob Charlton dei Thornhill in “Berghain”. Da citare anche una co-sceneggiatura/co-produzione con Dan Searle degli Architects in “Into The Dark”.

 

I Void of Vision sono:

Jack Bergin – voce
James McKendrick – chitarra/voce
Mitch Fairlie – chitarra
George Murphy – batteria

 

Heaven tracklisting:

  1. Berghain
  2. Dominatrix
  3. Into The Dark
  4. Saint Miserable
  5. Altar

 

void of vision cover ep heaven

Guarda e ascolta il nuovo video di “Altar”, pubblicato oggi:

 

Ascolta l’EP “Chronicles II, Heaven”:

 

NO COMMENTS

Leave a Reply