Home Musica Musica ∼ Opinioni Thornhill, intervista a Jacob Charlton

Thornhill, intervista a Jacob Charlton

0 332

Leggi l'intervista in italiano e inglese

thornhill interview with jacob charlton

 

di Irene Tempestini

Thornhill, intervista a Jacob Charlton

 

I Thornhill sono una band metalcore australiana, con alle spalle due album. L’ultimo, dal titolo Heroine è uscito ieri ed è Top Album del Mese su ZestToday.  È possibile leggere la recensione dell’album e ascoltare Heroine QUI

Ho avuto il piacere di intervistare Jacob Charlton, il frontman e il songwriter di una delle migliori band del momento.

“Heroine” è un viaggio visionario in musica e immagini. Sarebbe la colonna sonora perfetta per un film. Cosa ne pensi?

Era un po’ l’angolazione che stavamo cercando di prendere, quindi sono contento che si traduca in questo modo! Ho scritto la maggior parte, se non tutte, di queste canzoni grazie a stimoli visivi come film e programmi TV. Stavamo davvero cercando di fare visualizzare cose molto specifiche durante l’ascolto del disco. Ci siamo anche sentiti come se non molte persone adottassero quell’approccio di rendere il rock/metal molto cinematografico, per questo abbiamo pensato che fosse una piccola interessante tasca del mercato che volevamo provare.

Cosa dà forma alla tua musica? Quali sono le tue influenze?

Sono cresciuto con tutto ciò che riguarda gli anni ’90, ho genitori piuttosto giovani, quindi direi che Kid A dei Radiohead e Californication dei Chili Peppers sono stati davvero le mie prime influenze musicali. Mi è davvero piaciuto tornare alle mie radici durante il processo di scrittura, quindi ho tratto influenza da molte band di quell’epoca, ancora una volta per cercare di far sentire l’ascoltatore in un certo modo.

Tu dai molta importanza alla performance. Puoi spiegare come e perché?

Penso che proprio per lo stile che stavamo cercando, l’aspetto della performance delle band ai tempi era molto più importante. Guardando i set di Woodstock 99 e i vecchi programmi di MTV, questi sembravano molto più simili a un’esibizione rispetto al guardare una band che suonava le proprie canzoni nel modo più semplice possibile. Gli outfit, il trucco, l’estetica, sono tutti elementi che ci aiutano a provare a far arrivare al pubblico il nostro ​​mood.

Penso che il nuovo album sia più complesso e diversificato. È più maturo del precedente (ma anche il primo è stato fantastico!). C’è stata un’evoluzione nel suono, nella creatività e nella crescita personale?

Grazie, apprezzo molto questa cosa! Penso che ci stiamo avvicinando lentamente a come vogliamo suonare, ci evolveremo sempre e non ci sarà mai un disco in cui sentiamo tipo “ok, è così!” ma mi piace avvicinarmi di più ad ogni versione. Penso che abbiamo avuto molte influenze simili su questo disco rispetto all’ultimo, abbiamo solo cercato di spogliare il più possibile le basi metalcore e rendere il tutto un po’ più ispirato al rock alternativo.

Cosa ami, e cosa ami di meno (se c’è qualcosa che non ti piace), del nuovissimo album?

Adoro davvero le tracce di apertura e chiusura, penso che siano la cosa di cui sono più orgoglioso tra tutta la musica che abbiamo pubblicato fino ad oggi. Non ho amato il processo di scrittura di questo album, perché essere rinchiuso  a causa della pandemia è stato incredibilmente poco stimolante. Inoltre, non avere i tuoi compagni di band o fare tournée per eccitarti ha davvero messo a dura prova la salute mentale che ha reso molto difficile cercare di scrivere cose nuove ed eccitanti.

Come hai vissuto il periodo della pandemia?

Come ho detto prima è stato molto faticoso. Abbiamo dovuto adattare il nostro processo di scrittura a causa del fatto che eravamo separati  l’uno dall’altro, il che a volte era una vera e propria battaglia. Abbiamo posticipato la data di uscita alcune volte perché stavamo lottando per mettere insieme tutto. Detto questo, senza quel periodo e le cose che abbiamo passato non sarebbe l’album che è oggi, quindi in un certo senso sono estremamente grato per quel periodo, per quanto sia stato impegnativo.

Quando vi vedremo in tournée in Europa e in Italia?

Saremo in Europa a ottobre e novembre con Bury Tomorrow, August Burns Red e Miss May I! Per quanto riguarda l’Italia non abbiamo ancora niente di programmato, ma mi piacerebbe prima o poi. Sono stato cresciuto da siciliani, quindi ho bisogno di vedere il paese ahah.

C’è qualcosa di speciale che vorresti dire ai tuoi fan italiani?

Onestamente non riesco a credere che abbiamo fan in Italia, quindi vorrei solo ringraziarvi per il vostro supporto nel corso degli anni e spero che Heroine vi piaccia tanto quanto a noi!

 

 

NO COMMENTS

Leave a Reply