Home Musica Musica ∼ Notizie Pistoia Blues Festival, al via le Clinics e i corsi di ballo...

Pistoia Blues Festival, al via le Clinics e i corsi di ballo Dancing the Blues

0 963
pistoia blues clinics

 

 

Dopo il successo targato Hozier, con oltre 3.000 presenze, il Pistoia Blues Festival riaprirà il 15 luglio con l’arrivo di un altro giovane cantautore in ascesa, Passenger. Busker nell’anima Mike Rosemberg aka Passenger è l’autore della hit “Let her Go” ma non solo, si attendono sorprese. In apertura anche il cantautore australiano Stu Larsen (“Vagabond” il suo album) e la band torinese dei Proclama, inseriti nella compilation “Pistoia Blues Next Generation” (con il brano “Instabile”) ed in procinto di pubblicare un secondo album a convalidare il loro sound britannico cantato in italiano.

Nel frattempo in partenza questo weekend i primi eventi collaterali del Festival tra cui le rinomate “Clinics” e la novità dei corsi di ballo “Dancing the Blues”. Giunte alla quinta Edizione, accolte con grande successo negli scorsi anni (anche in sessione invernale) le Clinics tornano da venerdì 10 luglio a domenica. Il tema conduttore dei seminari è “B.B. King and Memphis’s Sound” che riconosce in Memphis la città natale del blues e di tutta la musica che da esso deriva. Col fiume Mississippi che la accarezza, la città divenne punto di riferimento nell’evoluzione del blues.

Ed è proprio qui che B.B. King si trasferisce e affina la sua tecnica. Un tributo ad un grande artista che ha avuto una lunghissima carriera ed è stato e resterà uno dei più importanti esponenti del blues, riconosciuto come il Re del Blues. 14 Grammy vinti e considerato dalla rivista Rolling Stone come il sesto miglior chitarrista di tutti i tempi. Il suo sound è caratterizzato da suoni caldi e piacevoli che danno vita ad un blues elegante che lo ha contraddistinto per tutta la sua carriera.

I corsi, che si svolgeranno nei locali del Circolo Ricreativo delle Fornaci e alla Scuola di Musica S.P.M. (Piano e Organo Hammond) saranno tenuti dai docenti: Nick Becattini – Corso di Chitarra. Donatella Pellegrini – Corso di Canto. Daniele Nesi – Corso di Basso. Maurizio Spampani – Corso di Organo Hammond. Carmine Bloisi – Corso di Batteria. Nelle serate dei corsi, tutti gli allievi parteciperanno alle Blues Jam, dove suoneranno con la Band formata dai docenti e si alterneranno nei locali del Circolo Ricreativo Le Fornaci, nella sede della scuola di Musica S.P.M. e al Melos.
Sempre questo weekend partiranno i corsi “Dancing the Blues”. Si tratta di speciali corsi di ballo che si terranno nel giardino del Liceo Classico e Workshop di danza e musicalità nel chiostro di San Giovanni, presso la Fondazione Luigi Tronci (Corso Gramsci). L’iniziativa comprende 12 ore di lezioni di danza, distribuite sui tre giorni, con i maestri Leanna Peled Rozen (del Berlin Blues Explosion, nella foto) e Jered Morin, due ballerini di fama internazionale, ed un concerto per ogni sera con le massime espressioni della musica blues pistoiese, italiana, europea e con un grande ospite per la serata di chiusura: l’ottantatreenne Guitar Crusher di New York. Il tutto sotto la direzione artistica di Emiliano Degli Innocenti.

Per la città del Blues si è ritenuto importante introdurre il Ballo Blues, che da anni sta prendendo molto risalto a livello internazionale. Questo tipo di danza è nata in contemporanea con la nascita della musica Blues e si è sviluppata negli Stati Uniti nella prima metà del secolo scorso sulla base delle danze africane, si è evoluta da ballo singolo a ballo di coppia e negli anni è stata contaminata da altre influenze. Oggi in Europa, come in tutto il mondo, sia nelle capitali che nei piccoli centri, si tengono periodicamente eventi di Ballo Blues ed in Italia si è cominciato quest’anno, con workshop a Pistoia e Firenze, Milano, Torino, Genova e Bologna.

NO COMMENTS

Leave a Reply