Home Musica Musica ∼ Notizie Ara Malikian, il portentoso talento in tour in Italia

Ara Malikian, il portentoso talento in tour in Italia

0 1035
ara-malikian

 

di Irene Tempestini

 

Ara Malikian torna in Italia, dopo il successo riscosso al Concerto del Primo Maggio a Roma, con il tour La Increible Gira de Violin. Il tour partirà da Firenze il 21 novembre.

Ara Malikian è un prodigio armeno-libanese del violino, che con il suo impetuoso sound sospeso tra virtuosismo classico e tutta la cultura etno-rock, sta conquistando orde di fans e consensi di addetti ai lavori. La sua musica  è ispirata alla classica, al folk rock, alla gipsy, al flamenco, al rock puro, riuscendo così a generare qualcosa di estremamente coinvolgente e unico.

Lo scorso maggio è uscito per Sony Classical “The Incredible Story of Violin”, il primo album firmato come autore che contiene 13 composizioni che narrano del suo personalissimo viaggio attraverso la musica di altre culture.

Impossibile resistere alla tentazione della danza, alla malinconia e al romanticismo in un crescendo emotivo controllato dal virtuosismo assoluto di Ara Malikian accompagnato da una incredibile ensemble di archi.

Formazione:

Ara Malikian, violino;Jorge Guillén del Castillo, violino; Humberto Armas, viola; Cristina López, violoncello; Tania Bernaez, contrabbasso; Tony Carmona, chitarra; Hector Osorio, percussioni; Nantha Kumar, percussioni (taulas índiana)
La Increible Gira de Violin – Italian Tour Novembre 2017

21 Novembre Firenze Obihall

22 Novembre Bologna Teatro Duse

23 Novembre Torino Teatro Colosseo

25 Novembre Sorrento Teatro Armida

26 Novembre Roma PDM Sala Sinopoli

27 Novembre Milano Teatro dal Verme

Prevendite www.boxol.it 
www.ticketone.it

 

 

ARA MALIKIAN vert-4

NOTE BIOGRAFICHE

Ara Malikian è nato in Libano da famiglia armena e  inizia lo studio del violino su incoraggiamento del padre.
Debutta a soli 12 anni  in Libano e a 14 viene ascoltato dal direttore d’ orchestra Hans Herber-Jöris il quale gli procura una borsa di studio del governo tedesco alla Hochschule für Musik und Theater di Hannover, diventando il più giovane mai iscritto a questa prestigiosa scuola.
Ara Malikian perfeziona i suoi studi alla Guindhall School of Music & Drama di Londra, con docenti quali Franco Gulli, Ruggiero Ricci, Ivry Gitlis.
Il suo repertorio include tutte le grandi opere scritte per violino. E’ stato inviato come solista da prestigiosi ensemble quali l’Orchestra Sinfonica di Tokyo, l’Orchestra Sinfonica di Bamberg, I Virtuosi di Mosca.
Ara ha tenuto concerti in oltre 40 Paesi,  e con oltre 40 uscite, la discografia di Ara Malikian è molto ampia e ben rappresenta il carattere cosmopolita della sua  esperienza musicale.
Ara ha sempre avuto un obiettivo: avvicinare alla musica, inclusa quella classica, tutti i tipi di pubblico. A tal fine ha partecipato a numerose trasmissioni televisive realizzando programmi educativi rivolti a bambini e giovani. Da ricordare anche il suo impegno nel progetto ONG Acción Contra el Hambre, che ogni anno porta Ara ad occuparsi dei bambini di un terribile campo di rifugiati siriani in Libano.
Dal 2006 ha collaborato con la Fondazione Non Profit e creato con il compositore Jorge Grundman l’orchestra da camera No Profit Music  Chamber Orchestra, dedicata a diffondere le opere di  compositori contemporanei con il progetto “Nuova Musica Consonante”.
La lista di spettacoli creati e co-prodotti  da Ara, é molto lunga e piena successi, come lo spettacolo “Le mie prime 4 stagioni”, una versione molto personale  delle Quattro Stagioni di Vivaldi, culminata in un innumerevole numero di rappresentazioni.
Non mancano nella storia di Ara Malikian le colonne sonore per il cinema, tra le quali ricordiamo la collaborazione con il  compositore  Alberto Iglesias nei film “Hable con ella” (2002)  e “La mala educación” (2005), entrambi di Pedro Almodovar.
Lo scorso maggio è uscito per Sony Classical “The Incredible Story of Violin”, il primo album firmato come autore: 13 composizioni che narrano del suo personalissimo viaggio attraverso la musica di altre culture.

 

 

NO COMMENTS

Leave a Reply