Home Musica Musica ∼ Eventi Venerdì Musica con Maffucci e Alessandrini

Venerdì Musica con Maffucci e Alessandrini

0 488
Maffucci_Alessandrini
di Redazione

Venerdì 20 Marzo ore 21.15

Aula Magna del Seminario Vescovile – Pistoia

Stagione Venerdì Musica

ALESSANDRO MAFFUCCI, tenore

RODOLFO ALESSANDRINIpianoforte


musiche di Tosti, Mahler, Cilea, Strauss

ingresso libero

Il tenore Alessandro Maffucci e il pianista Rodolfo Alessandrini, si esibiranno in un programma ricercato e affascinante, che affianca autori apparentemente molto lontani, quali Francesco Paolo Tosti, principe della romanza da salotto italiana, e due colossi della liederistica tedesca come Gustav Mahler e Richard Strauss.
Le arie di Tosti scelte dal Duo sono tutte su testi di Gabriele D’Annunzio, autentici gioielli del musicista abruzzese, anche se meno note delle sue più celebri melodie, che mostrano senza riserve tutta la qualità della sua inventiva melodico-vocale.
Si va dal Ciclo “Malinconia” ai Due Piccoli Notturni, senza trascurare alcune pagine di grande suggestione come “Ninna nanna”, “Per morire” e l’intramontabile “‘A vucchella”, che ancora oggi esalta tutta la sensualità dei suoi versi in lingua napoletana.
Il pubblico potrà apprezzare i Lieder eines fahrenden Gesellen di un Mahler giovane ma già nel pieno della maturità, che alternano momenti di cupa disperazione ad altri di serenità pastorale, ai quali si accompagneranno due Lieder dall’op. 10 di Richard Strauss.
Gli intermezzi pianistici offriranno alcune rarità del giovane Francesco Cilea.

 

Alessandro Maffucci – Dopo studi violinistici, ha studiato canto sotto la guida di Massimo Sardi presso la Scuola di Musica di Fiesole, debuttando a Firenze quale Enea in Dido and Aeneas di H. Purcell. Ha quindi interpretato in Italia e all’estero i ruoli di Calaf (Turandot), Cavaradossi (Tosca), Pinkerton (Madama Butterfly), Luigi (Il Tabarro), Don Josè (Carmen), Turiddu (Cavalleria Rusticana), Radames (Aida), Manrico (Il Trovatore).
Nel 2000 ha debuttato con successo il ruolo di Otello nell’omonima opera di Verdi al Festival Internazionale di San Gimignano, riprendendolo in seguito in numerose produzioni operistiche.
Intensa anche la sua attività nell’ambito del repertorio oratoriale e sinfonico-corale (Das Lied von der Erde di Mahler, Messa da Requiem di Bruckner, Messa dell’Incoronazione di Mozart, Messa di Gloria di Puccini, Petite Messe Solennelle di Rossini etc.); si segnalano, inoltre, le sue esecuzioni a Pechino, Bucarest  e Milano della Messa da Requiem di  Verdi e, sotto la direzione del M° Piero Bellugi, della IX Sinfonia di Beethoven e del Requiem di Mozart. 
Il suo repertorio si estende anche alla musica vocale da camera, con particolare attenzione alla produzione dell’Ottocento italiano (Tosti), alla liederistica austro-tedesca (Schubert, Schumann, Mahler) e ai compositori argentini del Novecento (Ginastera, Guastavino), che esegue in duo con il pianista Roberto Russo.  Al Teatro della Pergola di Firenze ha frequentato le masterclasses di Peter Schreier e Irwin Gage sull’interpretazione del Lied e del repertorio vocale da camera. 
Nel 1997 ha partecipato alla registrazione del Romancero Gitano di M. Castelnuovo Tedesco (per ensemble vocale e chitarra) realizzata con il chitarrista Flavio Cucchi per l’etichetta Arc Music. 

Rodolfo Alessandrini, pianista fiorentino, è ormai da anni attivo in maniera determinante sulla scena musicale italiana. Ha compiuto gli studi umanistici e musicali a Firenze, diplomandosi presso il Conservatorio “L. Cherubini” col massimo dei voti e la lode nel 1987. Ha successivamente frequentato Master Classes di Marcella Crudeli, di Hector Moreno e Norberto Capelli, di Dario de Rosa e del Trio di Trieste presso l’Accademia Chigiana di Siena.
Attivo come solista, camerista e accompagnatore, ha tenuto recitals nelle più svariate formazioni sia con archi che con fiati, dal trio con pianoforte al duo con voce.
La sua attività ha spaziato dal campo della composizione (vanta l’incisione di CD con musiche proprie), a quello della musicologia (dalla revisione di opere pianistiche, alla pubblicazione di saggi di cui uno vincitore del prestigioso Fiorino d’Argento al Premio Firenze nel 1993).
La sua personalità eclettica e ricca di interessi lo ha portato ad esperienze diverse, fra cui l’operatore musicale, il maestro collaboratore, l’insegnante, l’editore e il didatta.
il suo nome è però indissolubilmente legato a quello della pianista Sara Bartolucci, con la quale ha formato il Duo Pianistico di Firenze, vincitore di Concorsi Internazionali, con cui svolge attività concertistica da oltre vent’anni in Italia, Europa e USA.
Il Duo vanta un repertorio sterminato e ha al suo attivo un cospicuo numero di prime esecuzioni mondiali, europee e italiane, ha pubblicato opere di Czerny e Rota per Carisch e Schott, ed ha inciso CD per Mudima, Rosalbe Records e Brilliant Classics.
Nel 2011 Il Duo ha festeggiato il ventennale del primo concerto con un recital all’Accademia Bartolomeo Cristofori in collaborazione col Maggio Musicale Fiorentino.
Rodolfo Alessandrini è anche noto come operatore musicale, è stato fondatore e Direttore Artistico del Concorso Pianistico “Città di Cesenatico” ed è tuttora responsabile dello storico Concorso “Muzio Clementi”. Il Duo è curatore della Four Hands Editions, il più vasto progetto editoriale mai esistito per duo pianistico.

NO COMMENTS

Leave a Reply