Home Arte Arte ∼ Notizie Dismaland chiude i battenti, le favole sono davvero finite

Dismaland chiude i battenti, le favole sono davvero finite

0 1089
dismaland

 

di Riccardo Tronci

 

Dismaland, Bemusement Park è appena chiuso da un giorno e si fa strada la convinzione di non essere riusciti ad inquadrare del tutto quella che è una operazione di comunicazione, artistica ed economica. Un evento che ha concentrato opere di 58 artisti contemporanei tra i più in vista, spettacoli di eccezione (come i concerti di Damon Albarn e Massive Attack) in una cornice grottesca, che definire “dark” è assolutamente semplicistico.

Partiamo dal luogo, Weston-Super-Mare, dove dicono le leggende che circondano Bansky, l’ideatore del parco del disorientamento, che l’artista abbia passato più volte le sue estati da bambino. Si tratta, infatti, di una non ridente cittadina balneare, dove, prima dei voli low cost e dei last minute, molti inglesi si riversavano per passare le vacanze estive. Ad oggi un luogo desolato che, anche da solo, senza alcuna installazione, comunica profonda malinconia.

Come in ogni località balneare, anche qui vi sono alcuni bagni, ed è proprio in uno di essi, ormai in disuso, che Basnky ha progettato il proprio parco “non adatto ai bambini”, il Tropicana si trasforma in Dismaland. All’ingresso effettivi controlli si alternano con figuranti che fanno passare le persone sotto metal detector di cartone, invitandoli a fare veloce, in maniera molto sgarbata. Ad accogliere i visitatori il personale di Dismaland: ragazzi imbronciati che indossano le orecchie di Topolino e vendono palloncini con la scritta “I am an imbecile”.

dismaland Le persone sfilano tra il castello non finito di Cenerentola (ritratta morta, saltata fuori da una carrozza e attorniata da paparazzi) dove il personale invita a fare veloce “andatevene che non si sveglierà!” e la piscina dove una sirenetta deformata emerge su di uno scoglio. Lo scivolo per bambini è creato attraverso una camionetta della polizia, mentre la regina dell’autoscontro è la signora con la falce, sola al centro della pista sotto la musica di “Stayin’ alive”. I murales, per cui Bansky è famoso, circondano l’opera e contribuiscono a diffondere un senso forte di malinconia e disorientamento. I bambini possono giocare con piccole barche telecomandate affollate di migranti, mentre i grandi possono provare a ribaltare un incudine con una pallina da ping pong. Si cammina nel fango, la ruota panoramica gira un po’ troppo forte e al teatrino gli incontri tra marionette di sesso opposto sono un po’ spinti.

Le favole sono finite. Una scritta che campeggia nel parco. La genialità si accomuna come spesso accade alla denuncia e richiama le persone, che si divertono, oppure criticano. Ma ad ogni modo devono affrontare argomenti duri, con il proprio punto di vista. Ci sono certamente occasioni di divertimento, e se queste hanno fatto scrivere ad alcuni che Dismaland altro non è che un indotto, una operazione economica, è pur vero che non si può osservare il parco senza provare un profondo senso di smarrimento. Il confine tra la fiera della vanità, tra lo scherzo troppo marcato su topic attuali, tra la pura denuncia e l’ironia, è sottile, e l’arte sta qui nel non far mai capire da quale parte siano le scarpe, da quale parte del confine. Chi compra un palloncino con su scritto “sono un imbecille” lo fa per partecipare, perché preso dall’atmosfera del parco, perché la trova un’idea geniale ed artistica o perché, non avendoci capito assolutamente niente, è davvero un imbecille?

dismaland Vero anche che questa operazione, durata poco più di un mese, ha creato effettivamente un indotto che supera i 20 milioni di sterline:  Weston-Super-Mare è stata per trenta giorni al completo, nessun posto in alcun bed and breakfast, ristoranti completi, puro ossigeno per la cittadina. E quindi cosa ci dovrebbe essere di male nel riuscire a portare critiche, far riflettere con leggerezza (per piantare radici profonde) e in contemporanea creare dal niente occasioni di lavoro dove non ci sarebbero state? Non è esattamente ciò che ha fatto il giustamente osannato Ai Wei Wei con i suoi semi di girasole realizzati in ceramica? Egli stesso ha fatto lavorare centinaia di persone per un tempo determinato, persone che avrebbero altrimenti faticato maggiormente, creando semi.

Il parallelo non è casuale: Dismaland è un seme. Un seme artistico e sociale, che potrebbe germogliare, anche in Italia, forse, dove la critica da parte di artisti nei confronti delle vicende politiche ed attuali è sempre troppo morbida o mossa in maniera totalmente ingenua. In Italia abbiamo dimenticato cosa significhi parlare con le immagini, muovere accuse, colpire le persone e influenzare il dibattito civile con Oliviero Toscani, l’ultimo in grado di commuovere, accendere critiche, infiammare le persone. Non meraviglia, infatti, che non ci sia stato alcun artista italiano invitato a partecipare a Dismaland. E chi mai avrebbe dovuto invitare Basnky dall’Italia, Fedez?! Non ce ne vogliano artisti grandiosi e completi come Teo Theardo, il loro nome in Italia non sarà mai osannato, e la colpa è proprio della (non)cultura italiana, minore degli artisti.

Dismaland è un seme, perché segue un percorso ben stabilito e, dopo aver chiuso i battenti, apre in una nuova località. Calais, in Francia, precisamente nel campo di rifugiati che cercano di raggiungere l’Inghilterra dalla Manica, chiamato “la giungla”. Ma non sono previsti biglietti per questo nuovo allestimento, come recita il sito ufficiale stesso. Per il semplice fatto che al campo saranno inviati tutti i materiali utilizzati e riutilizzabili per costruire strutture adatte a realizzare una migliore accoglienza e sopravvivenza.

dismaland

NO COMMENTS

Leave a Reply