Home Arte Arte ∼ Notizie #Circus, ovvero cosa accade a mettere insieme un parrucchiere, uno stilista, un...

#Circus, ovvero cosa accade a mettere insieme un parrucchiere, uno stilista, un pittore e un’ estetista

0 1013
#Circus, the Magician

 

di Riccardo Tronci

#Circus è il circo del giorno prima. Quello che monta i tendoni, quello che accende la magia mentre la città dorme, quello in cui gli acrobati provano con un telo a fare da paracadute, quello in cui i clown possono anche non essere truccati, quello in cui il mago sperimenta la sua nuova illusione.

Nel completo silenzio e massima concentrazione. Senza applausi.

Composto da persone che affrontano nel quotidiano la difficoltà, che non aggirano l’ostacolo, da individui che al confondersi preferiscono scegliere.

Questo è il #Circus che prende vita dalle mani di quattro artigiani di Pomarance: Massimiliano Baldini (parrucchiere, Estroiparrucchieri), Augusto Titoni (stilista, KIDZ, la piccola tshirteria), Enrico Pantani (pittore), Laura Lombardi (estetista). Dall’unione concettuale e dal lavoro coordinato di quattro differenti personalità nasce un lavoro sconvolgente, profondo e leggermente grottesco, una rappresentazione di persone e stati d’animo allegorica e vera, genuina.

Due figure portano la bandiera di questo show silenzioso, Vincent Van Gogh ed Egon Schiele, due rappresentanti del dolore e del coraggio della scelta. Assieme a loro il mago e l’uomo più forte del mondo, contornati dai meravigliosi quattro, anche loro truccati e partecipi della magia.

#Circus, rappresentazione di Egon Schiele

#Circus, Egon Schiele

#Circus è il titolo di un incontro di quattro artigiani, della loro passione e creatività. Un racconto comune fatto unendo le proprie competenze ed esperienze, che vuole stupire raccontando l’atmosfera nel tendone prima dello spettacolo, il giorno precedente-  scrive Massimiliano Baldini sul sito web di Estroiparrucchieri- (…)abbiamo voluto raccontare il coraggio di scegliere, di essere se stessi, qualsiasi cosa significhi, mostrando in apparenza per andare oltre le apparenze”. Attraverso acconciature estrose destinate forse a fare moda (e non a seguirla), tagli artistici, trucco forte e deciso, vestiti e disegni creati ad hoc.

#Circus, i preparativi per i tessuti

#Circus, i preparativi per i tessuti e gli abiti

Oltre le apparenze e dentro i teatri, diciamo noi, visto che Circus ha già fatto capolino all’Antoniano di Bologna il 22 febbraio scorso, in una rappresentazione, sotto il celeberrimo nome del brand Paul Mitchell.

Sono come sono, sono cosa sono, cantavano i Bluvertigo, quando ancora sapevano scegliere di suonare. Scegliere è maledettamente difficile. Scegliere di resistere, quando la corrente sembra andare in senso contrario. Eppure dalla semplice voglia di condividere, dall’unione di mani ed intenti capaci, germoglia sempre qualcosa da cui ripartire. Per questo, senza retorica, non ci sentiamo altisonanti a dire che Pomarance oggi è un cuore pulsante di vita artistica. Un luogo capace di scegliere, con orgoglio e passione.

#Circus a Bologna

#Circus a Bologna, Teatro dell’Antoniano

NO COMMENTS

Leave a Reply