Home Arte Arte ∼ Eventi ‘La vita accanto’ in scena al Francini

‘La vita accanto’ in scena al Francini

0 845
La vita accanto, Monica Menchi © Ilaria Costanzo

di Redazione

 

Domenica 29 marzo

Teatro Francini Casalguidi – Pistoia

ore 21:00

La vita accanto

Associazione Progetto Teatro

con il contributo della Fondazione Banche di Pistoia e Vignole – Montagna Pistoiese

La vita accanto, romanzo di  Maria Pia Veladiano prende vita grazie alla drammaturga Maura Del Serra, la regista Cristina Pezzoli e l’attrice Monica Menchi.
Vincitore del Premio Calvino 2010 e classificatosi al secondo posto al Premio Strega 2011, La vita accanto affronta il tema della bellezza, inevitabile protagonista delle nostre vite, dono ambito e spasmodicamente ricercato, spesso con conseguenze drastiche sulla personalità dell’individuo, che vuole e spesso deve, essere bello per forza, per non sopperire ad una società sempre meno autentica e priva di altri valori.

Note di regia

“Se non ci fossero specchi, resterebbero gli occhi a dire ad una donna brutta che è brutta. Gli occhi degli altri sono uno specchio. Sono il giudice che decreta se esistiamo o no. Se siamo belli o brutti. Possiamo ignorare il giudizio, cercare di esserne indipendenti, ma tutti desideriamo che qualcuno nel mondo si accorga e guardi la nostra bellezza. La riconosca. Non essere guardati equivale a non essere amati. Crescere storti, rinchiusi, evitati dallo sguardo degli altri, provoca dolore. Ma la possibilità di trasformare il dolore, genera a volte, una nuova inaspettata bellezza. La bellezza della musica, della poesia, la bellezza che sta nelle mani di questa bambina brutta. L’atto scandaloso di una bellezza che ha bisogno di orecchie e di anima per essere vista più che di occhi. Questa storia sfida il tempo in cui è stata scritta: un’epoca in cui l’apparire ha seppellito l’essere, in cui “photoshoppare” visi e corpi è la regola che si impone per correggere e falsificare ogni minima imperfezione del corpo umano.      Mettere in scena la bruttezza come metafora, conservarne il mistero, non banalizzare rendendo realisticamente “mostruosa” la protagonista, è un compito non piccolo poichè tutto quello che accade nel romanzo di Maria Pia Veladiano e nella efficace riduzione teatrale di Maura Del Serra, ruota intorno a questa condizione. La letteratura e la poesia possono far vedere solo dicendo, il teatro deve far vedere anche agli occhi. L’invenzione della bruttezza sarà dunque il nostro punto di partenza, il cambio dello sguardo del pubblico alla fine del racconto, ci auguriamo sia il punto di arrivo. ”

Prezzi
11,00 euro posto unico non numerato
Prevendita da lunedì 23 marzo alla Biblioteca Eden di Casalguidi 0573 917414 e dal 24 marzo anche alla Biglietteria del Teatro Manzoni di Pistoia 0573 991609 – 27112

NO COMMENTS

Leave a Reply