Home Arte Arte ∼ Eventi Vanessa Gravina a teatro nei panni di Anaïs Nin

Vanessa Gravina a teatro nei panni di Anaïs Nin

0 1493
Vanessa Gravina.

NAPOLI TEATRO FESTIVAL ITALIA 2015

 

12 e 13 giugno 2015 – Teatro Nuovo – Napoli

 

DIARIO DI SÈ

 NEL LABIRINTO DI ANAÏS NIN

di Luca Cedrola

 

con Vanessa Gravina e Graziano Piazza

e con in video Benedetta Cedrola

Scena e regia – Bruno Garofalo

Costumi – Mariagrazia Nicotra

Ricerche e realizzazioni video – Claudio Garofalo

Movimenti coreografici – Gennaro Guadagnuolo

Musiche originali di Joaquín Nin y Castellanos

rielaborate da Salvio Vassallo

DURATA 1h 20′

 

Venerdì 12 e sabato 13 giugno,  Vanessa Gravina al Napoli Teatro Festival Italia sarà la scandalosa Anaïs Nin: autrice cult dell’erotismo al femminile, amante di Henry Miller e della moglie June, cultrice dell’LSD, Anaïs Nin è una donna che ha sfidato ogni convenzione. “Diario di sé” di Luca Cedrola (al Teatro Nuovo di Napoli per la regia di Bruno Garofalo) ce la racconta partendo dal suo rapporto con il padre, Joaquín Nin - interpretato da Graziano Piazza - grande pianista e compositore cubano alle cui note originali è affidata la colonna sonora di tutto lo spettacolo.

Sullo sfondo della Parigi degli anni trenta Anaïs rivede il padre che lha abbandonata da bambina. I due istintivamente si cercano, si trovano e si perdono nello stesso inconfessato desiderio, intrecciando una relazione (probabilmente) incestuosa; come se il sesso e la seduzione fossero per loro gli unici codici di comunicazione possibile.

Diario di sé” racconta questo incontro e lo prende a pretesto per parlare del trauma dell’abbandono, della idealizzazione del padre perduto, del confronto tra un uomo e una donna, dei demoni che ciascuno di noi si porta dentro.

Così Luca Cedrola sull’opera: “Devo a Charles Baudelaire l’incontro con Bruno Garofalo e quanto, da lì, ne è venuto. Bruno, nel 2007, lesse il mio romanzo “Il compleanno di Charles Baudelaire” e sognò di portarlo in Teatro. Quel sogno si è realizzato nel 2013 e dura tuttora. Nella confidenza e nell’amicizia che tra noi si è creata, Bruno mi rese partecipe di un altro suo sogno. Raccontare Anaïs Nin: una donna, una scrittrice che aveva conosciuto attraverso la sua passione per Henry Miller. Poi ci fu un segno del destino: su una bancarella di libri usati, trovai un’edizione molto bella e introvabile di “Incesto” uno dei diari di Anaïs. Da lì mi venne l’idea di raccontarla attraverso la sua relazione con il padre.

Gli attori in scena sono due: Anaïs e Joaquín Nin. La vicenda che racconteremo rievoca in chiave anaturalistica e onirica (anche perché non sappiamo se quello che Anaïs ha scritto nel diario sia vero o meno) gli incontri che i due ebbero nel corso del 1933 ed in particolare quello di giugno a Valescure, che la scrittrice riporta con dovizia di particolari nel suo diario.

Leggendo il suo resoconto si comprende come mediante l’incontro con Joaquín (che l’aveva abbandonata vent’anni prima) Anaïs approdi alla “completa sintesi” di tutti i suoi amori. Joaquín Nin è un musicista, aristocratico, inveterato dongiovanni, è anche lui alla ricerca della “sintesi” di tutte le donne che ha amato.

Nella “tragedia” che ne consegue, padre e figlia perdono ogni ritegno. Lei nevrotica, lui ordinato, amante della simmetria si riconoscono identici nell’animo, narcisi fino al midollo e si cercano al di là delle parole, si trovano e si perdono nello stesso inconfessato desiderio.

Ma il vero tema di questo lavoro non è l’incesto ma l’abbandono. La perdita di qualcosa di amato rappresenta una delle paure più profonde radicate nella natura umana ed il tema del distacco tocca le nostre corde più sensibili perché spezza uno degli istinti più forti dell’essere umano: l’attaccamento alla madre. La separazione dalla persona amata diventa non solo perdita dell’altro ma anche perdita di sé, come persona degna di amore.”

 

NOTE D’AUTORE

Anaïs han ecessità di mettere continuamente in atto comportamenti seduttivi, per avere conferme di sé attraverso la conquista.  Per lei – come per tutte le donne affette da questa patologia – l’obiettivo della seduzione non è più la ricerca del contatto con l’altro, ma il tentativo di affermare continuamente sé stessi, tipico della personalità narcisistica. Che è estremamente fragile e si basa sui responsi che ottiene dall’esterno. Alla base di questo comportamento, infatti, ci sono carenze di autostima che non permettono di vedere l’altro per quello che è, ma solo come un mezzo per ricevere quell’approvazione di cui si ha bisogno.

Joaquín dal canto suo ha come unico scopo quello di sedurre e conquistare ogni donna. Anche lui è un malato. Seduce le donne e poi le abbandona, non per soddisfare un piacere sessuale, ma per ingannare ed umiliare le sue vittime ed i loro mariti. La sua ossessiva strategia di seduzione non fa altro che confermare la sua paura delle donne e del potere che esse esercitano su di lui.

Per esorcizzare questa sua insicurezza utilizza il rituale della conquista ripetuta;
ma colui che passa di conquista in conquista non ama le donne, ama solo se stesso.
Joaquín è quindi un individuo insicuro, che in fondo si stima poco e che trova la sua identità solo attraverso le conferme che gli vengono fornite dal successo della conquista- Joaquín è un individuo che conosce alla perfezione l’arte della seduzione, ma è incapace di abbandonarsi all’amore. Ma cosa può accadere quando si seduce la propria stessa figlia?

Anche se l’intenzione è quella di rifuggire la realtà storica e la verità dei fatti privati così come narrati ci è sembrato interessante immettere nella costruzione dello spettacolo un ulteriore elemento. Il 1933 è l’anno dell’ascesa del nazismo. Mentre a Parigi si folleggiava a Berlino si preparava l’apocalisse. Tra il maggio e giugno 1933 in Germania ci furono diversi roghi dei libri. Nessuno quasi se ne accorse. Sullo sfondo di questa storia fortemente privata e intima, la Storia nel fare il suo corso, era pronta a sconvolgere la vita di chi indugiava solamente su se stesso.

Per lo spettacolo  utilizzeremo le musiche di Joaquín Nin: sono meravigliose.

 

 

NO COMMENTS

Leave a Reply