Home Arte Arte ∼ Eventi Salvatore Cosentino porta in scena “Eva non è ancora nata”

Salvatore Cosentino porta in scena “Eva non è ancora nata”

0 1252
SalvatoreCosentino

di Redazione

Eva non è ancora nata

giovedì 11 dicembre

Città del Libro di Campi Salentina (LE)

Il magistrato Salvatore Cosentino porta in scena EVA NON È ANCORA NATA, lo spettacolo che si ispira nel titolo a una canzone di Giorgio Gaber e che racconta la bellezza e la dignità della donna attraverso le leggi, sia quelle che la tutelano, e quelle sbagliate, più risalenti nel tempo, che spesso l’hanno mortificata. 

Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Locri – ha fatto sue le parole di Leonardo Sciascia: “La mafia non sarà sconfitta dall’esercito della Digos, ma da un esercito di maestri elementari”. Convinto che la divulgazione sia uno strumento potente e irrinunciabile, ha scelto la forma anticonvenzionale del teatro-canzone, proprio per avvicinare la società civile al mondo del diritto. E, accompagnato dalla pianista Carla Petrachi, porta i suoi spettacoli nei teatri, nelle Università e nelle carceri di tutta Italia.

Altri spettacoli di Salvatore Cosentino:

MOZIONI ED EMOZIONI racconta in chiave ironica i falsi miti del nostro vivere quotidiano. Fra i bersagli, il surreale linguaggio di giuristi e politici, le assurdità della “macchina burocrazia”, le storture del sistema fiscale.

UN DIRITTO… MESSO DI TRAVERSO è il suo primo monologo - vincitore del premio internazionale Kouros 2013 – e nasce da vent’anni di osservazioni sul “campo”, che hanno permesso all’autore di mettere in primo piano i paradossi, le storture e le contraddizioni, ma anche le pratiche virtuose del mondo dei giuristi, con la consapevolezza che il senso di responsabilità dell’individuo si sviluppa, oltre che con la repressione, con la diffusione della cultura. 

Salvatore Cosentino

Nato a Modena, ma di origine salentina e leccese d’adozione, Salvatore Cosentino si è laureato a 23 anni e ha vinto subito il concorso in magistratura. All’età di 25 anni era uno di quei giovanissimi magistrati che l’allora Presidente della Repubblica Francesco Cossiga ribattezzò “giudici ragazzini”, con le funzioni di Sostituto Procuratore presso il Tribunale di Locri. In 23 anni di carriera è stato Sostituto Procuratore a Taranto, nonché Procuratore Reggente a Locri, sedi dove ha seguito importanti inchieste giudiziarie. Docente Universitario di Diritto Penale presso l’Università del Salento nonché presso la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali, il suo primo monologo teatrale nasce quasi per caso durante un convegno accademico su giustizia e arte. L’incredibile successo ottenuto in quell’occasione segnò per Salvatore Cosentino il ritorno alla passione per la scena, la letteratura, l’arte e la musica che ha accompagnato la sua formazione fin dalle origini.

INFO: +39 347 5891669

 

– 

NO COMMENTS

Leave a Reply